Tu sei qui:Home / Notizie / 2019 / Ricordando Alice Zeppilli e Giuseppe Alberghini

Ricordando Alice Zeppilli e Giuseppe Alberghini

Celebrazioni per i 50 anni dalla scomparsa del soprano
Ricordando Alice Zeppilli e Giuseppe Alberghini

A 50 anni dalla scomparsa del grande soprano Alice Zeppilli, Pieve di Cento rende omaggio a lei e al marito Giuseppe Alberghini con un concerto dal titolo "Ricordando Alice Zeppilli e Giuseppe Alberghini" che si terrà sabato 28 dicembre alle ore 21.00 al Teatro Alice Zeppilli.

L’occasione della ricorrenza ci permette di introdurre il Don Giovanni, opera interpretata con successo dal soprano nella sua carriera, che verrà rappresentato il 19 marzo 2020 nel Teatro Zeppilli.  Un omaggio ad una grande artista volto alla valorizzazione dei tesori del territorio mettendo al centro giovani talenti che, sotto la guida del M° Angelo Gabrielli e di una star della lirica, si specializzeranno in una masterclass sul titolo mozartiano

_________

I protagonisti

Francesca Maria Cucuzza, soprano

Ma Guoyi, Tenore

Davide Peroni, baritono

Eugenio Palumbo, mandolino

Pietro Scimemi, violoncello vincitore della IV edizione del Premio Alberghini

Luca Saltini al pianoforte

Direzione artisticaAngelo Gabrielli

Si ringrazia per la collaborazione il M° Cristiano Cremonini

_________________

Programma

> Raffaele Calace (1863-1934), Preludio per mandolino solo n° 2, Eugenio Palumbo, mandolino

> Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791), Don Giovanni “Vedrai, carino”, Francesca Maria Cucuzza, soprano e Luca Saltini, pianoforte

> Wolfgang Amadeus Mozart, Don Giovanni “Deh, vieni alla finestra”, Davide Peroni, baritono e Eugenio Palumbo, mandolino

 > Wolfgang Amadeus Mozart, Don Giovanni “Batti, batti, o bel Masetto”, Francesca Maria Cucuzza, soprano e Luca Saltini, pianoforte

> Wolfgang Amadeus Mozart, Don Giovanni “Il mio tesoro”, Ma Guoyi, tenore e Luca Saltini, pianoforte

-Intervallo-

Jules De Swert (1843-1891) Concerto per violoncello op.32 (composizione con cui il giovanissimo Giuseppe Alberghini si diplomò brillantemente nel 1898 al Liceo Rossini di Bologna, ora Conservatorio Martini), Pietro Scimemi, violoncello, vincitore del Premio Alberghini, IV edizione e Luca Saltini, pianoforte

Wolfgang Amadeus Mozart, Don Giovanni “In quali… mi tradì quell’alma ingrata”, Francesca Maria Cucuzza, soprano e Luca Saltini, pianoforte

Wolfgang Amadeus Mozart, Don Giovanni “Ho capito, signor, si”, Davide Peroni, baritono e Luca Saltini, pianoforte 

Wolfgang Amadeus Mozart, Don Giovanni “Là ci darem la mano”, Francesca Maria Cucuzza, Soprano, Davide Peroni, baritono e Luca Saltini, pianoforte

brani al mandolino verranno eseguiti utilizzando il mandolino esposto nel Museo della Musica di Pieve di Cento

________________

Il Museo della Musica raccoglie testimonianze della vita artistica del soprano Alice Zeppilli alla cui memoria è stato intitolato il teatro, nel 2003, dopo i lavori di restauro. Nata il 28 agosto 1885 a Mentone (F) interpretò a soli diciotto anni  di Gilda nel Rigoletto all’Opera di Montecarlo, con E. Caruso, Duca di Mantova. La sua carriera, rapida ed intensa, la vide calcare le scene dei più importanti teatri del mondo. Dal 1906 al 1914 fu un’autentica star negli Stati Uniti. A New York nel 1913 sposò Giuseppe Alberghini, primo violoncello nell’orchestra di Chicago, nato a Pieve nel 1879, fratello maggiore dello scultore Antonio. Nel 1915la Zeppilli abbandonò gli States per seguire in Italia il marito chiamato alle armi. Durante gli anni del conflitto il suo nome continuò ad apparire sulle locandine dei teatri francesi e italiani, fino a quel momento, questi ultimi, un po’ trascurati Al fronte Alberghini conobbe Gabriele D’Annunzio, suo capitano, e iniziò una splendida amicizia che durò anche dopo il conflitto: ne sono testimonianza le bellissime lettere inviate ai coniugi. Nel 1920 gli Alberghini fecero costruire una villa a Pieve, situata poco fuori Porta Cento, che utilizzarono come residenza estiva. Dopo la morte del marito, avvenuta nel 1954, Alice si trasferì definitivamente a Pieve. Qui rimase fino al 1969, anno della sua scomparsa. La sua collaboratrice domestica, Giuseppina Melloni, divenuta proprietaria della villa, ha donato al Comune, nel 2000, con un gesto di grande generosità verso la sua città, tutti i beni che compongono il prezioso patrimonio Zeppilli-Alberghini. La Villa, per lascito testamentario della signora Alberghini, è oggi Residenza ANT.

Alice Zeppilli ha ricoperto il ruolo di Zerlina nel Don Giovanni:

  • nel 1907 (28 dicembre) a New York alla Manhattan Opera House per 3 recite
  • nel 1913 (18 dicembre) all'Auditorium di Chicago
  • nel 1914 (21 febbraio) a Filadelfia alla Metropolitan Opera House

(Adriano Orlandini “Il cherubino di D’Annunzio” – Maurizio Magri editore, 2000)

______________________________

Francesca Cucuzza- soprano Nasce a Palermo nel 1995. Si avvicina allo studio della musica all'età di otto anni, studiando pianoforte al conservatorio V. Bellini di Palermo. All'età di tredici anni si trasferisce a Modena e, contemporaneamente al liceo musicale, frequenta i corsi pre-accademici di Canto presso l’Istituto musicale pareggiato "Vecchi-Tonelli" di Modena con la M° Tiziana Tramonti. Sotto la guida della M° Cinzia Forte consegue a pieni voti la Laurea di primo livello presso il Conservatorio "Girolamo Frescobaldi" di Ferrara. Attualmente frequenta il secondo anno del Biennio Specialistico con la stessa insegnante. È vincitrice di importanti concorsi: concorso lirico internazionale Città di Ferrara; Toti dal Monte di Treviso; Concorso Internazionale Magda Olivero (secondo premio e premio del pubblico); primo premio categoria voci emergenti al concorso internazionale Fausto Ricci. Selezionata al concorso indetto da “Europa in Canto" e debutta al Teatro San Carlo di Napoli i ruoli della Seconda Dama e di Papagena ne Il Flauto Magico di Mozart, replicando a Treviso, Rovigo e Roma.Tra gli altri impegni passati ricordiamo: Ines ne Il Trovatore a Ferrara; Il Barbiere di Siviglia (Berta) al Teatro Comunale di Modena; Le Nozze di Figaro (Marcellina) a Treviso, Jesi, Ferrara e a Bologna con l’orchestra Senzaspine interpretando però Susanna; Giovanna nel Rigoletto a Busseto; ha partecipato poi alla produzione di Traviata per il circuito AsLiCo. Debutterà al Teatro Real di Madrid come Pamina nel Die Zauberflöte e al Maggio Musicale Fiorentino in Madama Butterfly.

🎵

Ma Guoyi- tenore Nato a Pechino nel 1993, si sta specializzando presso il Conservatorio "Arrigo Boito" di Parma. Nel 2016 ha frequentato l'Accademia del Teatro Nazionale di Pechino NCPA ed e' stato selezionato come Ambasciatore Internazionale di scambi musicali rappresentando la Cina a Montreal, in Canada, nel Festival Internazionale Musicale. Vincitore di prestigiosi premi si aggiudica: il secondo premio al Festival Vocale Internazionale Cinese (2015); premio giovani al II Concorso internazionale Gut Immling (2919); Terzo Premio al Concorso Internazionale Giovani Talenti (2019). Tra gli impegni più recenti si segnalano: “The 10 tenors of the world” una tournèe di concerti in Romania e Albania: Die Meistersinger von Nürnberg di Wagner al NCPA di Pechino; Elisir d'amore (Nemorino) al Teatro Comunale di Cervia; Alfredo nella Traviata al Teatro di Porretta Terme e al Teatro aperto Villa Malenchini (Pr).

🎵

Davide Peroni- baritono Nato ad Ascoli Piceno nel 1997, frequenta con ottimo profitto l’Accademia delle Belle Arti di Bologna. Inizia a studiare canto all’età di 13 anni, mostrando particolare interesse per il canto lirico. Partecipa a diversi concorsi canori, distinguendosi per le sue qualità vocali e nel dicembre 2013 inizia a studiare con Daniela Schillaci. L’anno successivo entra nel Coro Ventidio Basso di Ascoli Piceno prendendo parte come corista alle opere del Nabucco presso l’abazia di S. Galgano a Siena e nella Carmen ad Ascoli Piceno. Nello stesso anno canta il ruolo di Marco nell’opera studio Gianni Schicchi. Il 2016 si apre con la partecipazione al concerto al teatro di Donnafugata a Ragusa Ibla, mentre nel maggio dello stesso anno conferma il 1° posto per giovani talenti alla nona edizione del concorso Giuseppe Ierna. A luglio ottiene il 1° posto nel concorso “Simone Alaimo” a Linguaglossa (Catania), mentre nel 2017 conquista il 1° posto alla Master della Prof.ssa Daniela Schillaci a Modica ottenendo una borsa di studio e l’occasione di partecipare a diversi concerti sul territorio Siciliano. Ad aprile 2018 presso il teatro Ventidio Basso riceve il premio come artista emergente del piceno. Più recentemente ha partecipato ad una serie di concerti al Festival Appennino InCanto estate 2018 (con I Musici di Parma) e in Calabria a Vibo Valentia (con l’Orchestra la Grecìa) e si è distinto in due concerti lirici organizzati da Emilia Romagna Teatro per la rassegna Macinare Cultura- Energie Diffuse 2018. Ha interpretato il Dottor Dulcamara ne L’Elisir d’amore, progetto speciale per le scuole, al Teatro Comunale di Modena.

🎵

Eugenio Palumbo - mandolino 1°,  Nasce a Carpi (MO) nel 2001. Fin dai primissimi anni di vita inizia gli studi musicali, e del mandolino in particolare, sotto la guida del padre, il M° Roberto Palumbo, che gli ha trasmesso la passione e l'amore verso questo strumento. All'eta` di 8 anni comincia gli studi di Violino e Viola presso l'Istituto Superiore di Studi Musicali Orazio Vecchi - Antonio Tonelli di Modena nella classe del M°Pietro Scalvini. Nel 2016 entra nella classe di mandolino del M°Dorina Frati presso il Conservatorio di Musica Luca Marenzio di Brescia. Ha frequentato numerosi corsi di perfezionamento con Maestri di livello internazionale tra i quali Mauro Squillante, Nunzio Reina, Maria Cleofe Miotti, Michele de Martino, Evan J. Marshall. Da solista e in duo ha partecipato a diversi concorsi nazionali aggiudicandosi il Primo premio all' Estudiantina di Bergamo nel 2017 e nel 2018 al Concorso Lago d’Iseo. Svolge un'intensa attivita` concertistica in Italia e all'estero con l’Ensemble Mandolinistico Estense di Modena. Ha collaborato con importanti orchestre mandolinistiche tra cui l’Accademia Mandolinistica Internazionale del M°Carlo Aonzo, l’Accademia Mandolinistica Italiana, l'Orchestra a Plettro del Conservatorio Niccolo` Piccinni di Bari, l’Accademia Mandolinistica Napoletana, l' Accademia Mandolinistica Pugliese , l'Orchestra di mandolini e chitarre Citta` di Brescia , l'Orchestra a plettro Mandolinisti di Parma e con diversi virtuosi internazionali tra cui il M°Vincent BeerDemander.

🎵

Pietro Scimemi - violoncello, Nasce a Padova nel 2002 è vincitore della IV edizione del premio Giuseppe Alberghini. Dal 2018 studia all'Istituto Superiore di Studi Musicali Vecchi-Tonelli di Modena: 1° Assoluto (con voti 100/100) per la Sezione Archi solisti, cat. C (fra i 16 e i 18 anni), ha ricevuto il Premio Lions Clubs International da Simona Vannini, offerto dal Lions Club Bologna Colli "Augusto Murri" e il Premio Speciale EMIL BANCA consegnato da Irene Checchi. Il M° Valentino Corvino, in occasione della sua partecipazione al "Concerto dei Vincitori" nella rassegna regionale "Domenica al Comunale", gli ha conferito la pergamena del Teatro Comunale di Bologna come miglior strumentista ad arco. 

🎵       

Luca Saltini - pianoforte, è pianista, direttore di coro ed orchestra. Diplomato a pieni voti e lode in pianoforte, ha vinto i concorsi: “C. Czerny” di Torino, Città di Stresa, Albenga, A.M.A Calabria, Tortona, Città di Roma. Ha ottenuto la Menzione Speciale al XXI concorso “Vittorio Gui” di Firenze e nel 1998 ha vinto il concorso “G.B. Viotti” di Vercelli (sezione musica da camera) e ottenuto il diploma d’onore alla Accademia Musicale Chigiana di Siena. Assistente ai corsi di flauto (R.de Riede, N.Delius, R.Fabbriciani, M.Marasco), ha suonato per la GMI, Asolo Musica, Società Filarmonica di Trento, Accademia Filarmonica di Bologna, Società Umanitaria di Milano, Ravello Festival, Società del Quartetti di Vercelli, Sala Bossi di Bologna, Liceum di Firenze, Musikhalle di Amburgo, Wolfsburg, Kiel, Colonia, Museo Chopin di Varsavia, Cracovia, Klagenfurt, Lagos, Port Harcour ed Abuja in Nigeria. E’ stato accompagnatore al pianoforte nei corsi di Alto Perfezionamento tenuti dal soprano Mirella Freni a Modena e attualmente è direttore musicale e artistico della corale “Gioacchino Rossini” di Modena e docente di pianoforte nei corsi “progetto musica” alle scuole medie statali P. Paoli - S. Carlo di Modena, collabora con il Laboratorio Lirico Europeo di Milano.

🎵

Angelo Gabrielli- docente e direttore d’orchestra.    Docente per oltre presso l’istituto musicale Vecchi-Tonelli di Modena e Carpi dedicandosi negli ultimi anni di insegnamento a formare un’orchestra lirica all’interno dell’istituto con la quale ha debuttato con successo Cenerentola di Rossini al Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena. Ha tenuto masterclass di tecniche di respirazione legate all’interpretazione del repertorio lirico e cameristico in prestigiose istituzioni tra le quali: l’Obraztsova Academy a San Pietroburgo, l’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino, l’Accademia Internazionale di Canto Città di Pesaro, l’Accademia d’Arte Lirica di Osimo, l’Accademia Filarmonica Romana, “Cemat” (Ente di Promozione Music Art Tecnology) a Santa Severina e al Teatro Nazionale di Tirana (TKOBA), dove ha tenuto una masterclass con Ermonela Jaho. Il M° Gabrielli prosegue l’attività di direttore d’orchestra presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena con titoli quali: Il barbiere di Siviglia e L’Elisir d’amore a cui si aggiungono Rigoletto e Traviata a Fanano oltre a una serie di concerti in Russia al Festival Musicale Internazionale “I Palazzi di San Pietroburgo e a Salsomaggiore con I Musici di Parma e con l’orchestra Grecìa di Vibo Valentia a Tropea Santa Severina. Più recentemente ha diretto Rigoletto al Teatro Antico di Taormina e al Teatro Nazionale di Chisinau e Il Barbiere di Siviglia a Varese. Prossimamente dirigerà: Don Pasquale a Modena, Don Giovanni a Pieve di Cento, Gianni Schicchi a Matera, Trovatore a Busto Arsizio, Traviata al Teatro Verdi di Genova. Nel 2014 fonda il Festival lirico Appennino InCanto di cui è tutt’ora direttore artistico.

Angelo Gabrielli nasce a Porretta Terme, e si diploma in Sassofono nel 1977 presso il Conservatorio “G.B. Martini” di Bologna sotto la guida di Eraclio Sallustio e Baldo Maestri; dopo una laurea in Scienze Statistiche ed Economiche e un corso biennale in musicologia a Bologna, prosegue privatamente gli studi di armonia principale e pianoforte, e consegue il diploma di Operatore Musicale presso il Centro di Musica di Fiesole, dove ha frequentato le lezioni di analisi tenute dal M° Roman Vlad e quelle di direzione d’orchestra dal M° Aldo Ceccato. E’ stato per due anni assistente alla direzione artistica del Comunale di Bologna, incarico lasciato per creare Stage Door, agenzia di management che da oltre 30 anni rappresenta e ha rappresentato alcuni fra i più importanti artisti della scena mondiale fra cui, Pavarotti, Kabaivanska, Freni, Ghiaurov, Ricciarelli e Valentini Terrani, e di cui tutt’ora è Direttore Artistico.


Azioni sul documento