Tu sei qui:Home / Notizie / 2015 / Inaugurazione "Il Ponte"

Inaugurazione "Il Ponte"

Da un bene confiscato ad un bene comune
Inaugurazione "Il Ponte"

Lunedì 20 aprile alle ore 11.30, presso lo stabile sito in via Cento n°39, si è tenuta l'inaugurazione de Il Ponte, che ospita un centro di accoglienza abitativa e il nuovo presidio della Polizia Municipale di Pieve di Cento e Castello d'Argile.

All’inaugurazione erano presenti il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, la Presidente dell’assemblea Legislativa Emilia Romagna Simonetta Saliera, il Vice Prefetto di Bologna Alberto Dall’Olio, Orazio Borsari, referente Caritas di Pieve di Cento, il Comandante del corpo unico di Polizia Municipale della Reno Galliera Massimiliano Galloni, il sindaco dell’Unione Reno Galliera e Pieve di Cento Sergio Maccagnani e le massime autorità civili e militari provinciali e regionali.
In meno di 18 mesi – ha ricordato nel suo intervento il primo cittadino di Pieve di Cento – abbiamo dimostrato che le Istituzioni, insieme, possono fare la differenza. Da un bene confiscato nasce il nuovo presidio della Polizia Municipale ed un centro per l’emergenza abitativa. Il nome pensato il Ponte è fortemente simbolico. Il ponte perché i pilastri nella tutela della legalità sono le forze dell’ordine. Il Ponte perché le Istituzioni hanno il compito di ridare dignità a chi oggi vive al di sotto della soglia di povertà per non far rimanere indietro nessuno”.
Stefano Bonaccini, da sempre impegnato e sensibile al tema della legalità, ha preso la parola sottolineando "Quanto sia straordinario il lavoro avvenuto a Pieve di Cento nell'offrire beni confiscati in condizione di essere fruibili." L’apprezzamento è andato al Sindaco di Pieve di Cento Maccagnani e a tutti i sindaci dell’Unione Reno Galliera e un plauso speciale alle persone come Orazio Borsari di Caritas che regalano il loro tempo per gestire ed aiutare persone che vivono in condizioni peggiori.
L’invito generale offerto da Bonaccini a tutti i ragazzi delle scuole medie inferiori di Pieve di Cento e scuole medie superiori di Cento è quello di sconfiggere la mafia con il rispetto delle regole.

Al termine rinfresco offerto da Confartigianato.

 

Qui il volantino>>

Azioni sul documento