Inaugurato l'Emporio solidale Caritas di Pieve di Cento

Pubblicata il 5 febbraio 2024 | Servizi sociali

Sabato 3 febbraio 2024, alle ore 9.00, in Via Zallone, 36 è stato inaugurato il nuovo Emporio Solidale Caritas, alla presenza del Cardinale Matteo Zuppi.

L'iniziativa si è aperta con il taglio del nastro e gli interventi del Cardinal Matteo Maria Zuppi, del sindaco Luca Borsari, del parroco Don Angelo Lai, del responsabile di Caritas, Orazio Borsari, della presidentessa del Lions Club, Mariaclaudia Mazzuca e dell'assessore alle politiche sociali Milena Bregoli.
A seguire, è stato presentato il Murales "Il gioco dei Vestiti" realizzato dall'artista Burla grazie al contributo del Lions Club e sono stati presentati i locali della struttura.

L'Emporio solidale, frutto di un percorso partecipato e condiviso con il Comune che ha messo a disposizione il locale, rappresenta un'evoluzione del banco alimentare e svolge il suo servizio di sostentamento a 120 circa famiglie pievesi in difficoltà.
Possono accedere al servizio i nuclei familiari residenti a Pieve di Cento inviati dal Centro d'ascolto Caritas, che in collaborazione con i servizi sociali dell'Unione Reno Galliera, dopo un colloquio ne valuta i bisogni e rilascia una tessera a punti, determinati in base all'attestazione ISEE e ai componenti il nucleo familiare, che consentirà di usufruire gratuitamente degli alimenti.

"Oggi a Pieve di Cento nasce un luogo, frutto di un Patto di collaborazione fra Comune e Caritas Parrocchiale, un luogo che grazie all'immensa generosità dei volontari Caritas, ha lo scopo di aiutare le famiglie della nostra comunità che fanno più fatica a soddisfare i bisogni essenziali quotidiani. Questo luogo così speciale non poteva avere pareti "normali", e così, grazie all'aiuto del Lions Club di Pieve di Cento, siamo riusciti a raccontare con quest'opera di street art, la Bellezza di ciò che avviene dentro queste pareti. Se è vero che esiste un tempo per la semina e un tempo per mietitura, oggi è un bellissimo giorno di mietitura: in cui raccogliamo i frutti di un lavoro e di un percorso tanto lungo e impegnativo quanto appassionante." ha dichiarato il sindaco Borsari.

L'obiettivo principale è certamente l'aiuto alle famiglie più fragili residenti o domiciliate nel Comune, che non hanno reddito o lavoro e a coloro che pur in possesso di un'occupazione, vivono al di sotto della soglia di povertà, ma altro aspetto non meno importante è quello di ridurre lo spreco alimentare riassegnando le eccedenze, cioè prodotti non più commercializzabili ma perfettamente commestibili. 

"La Caritas ha rinnovato il luogo dove distribuisce gli alimenti alle famiglie bisognose. In parrocchia infatti tolto il tendone, non avevamo uno spazio adeguato per svolgere questo servizio e il comune, consapevole che questo servizio è diventato prezioso per tutta la comunità, ha messo a disposizione un fabbricato in via Zallone che ora può svolgere in modo efficiente il ruolo di Emporio solidale.
E se da una parte il luogo della Caritas non è più in un ambiente parrocchiale e pur vero che questo servizio deve essere svolto comunque in un luogo capiente e adatto; e il capannone in via zallone può assolvere a questo compito." ha proseguito Don Angelo.

Per Orazio Borsari, responsabile Caritas : "Piu' volte Papa Francesco ha detto ai giovani "...fate fare qualcosa di bello,che esprima attenzione ai fratelli e vedrete che riuscirete a incontrarli." Con l'Emporio ci proviamo, per dare un senso alla Carità".

Conclude infine l'assesore Milena Bregoli "Il grande valore umano del volontariato è arricchente sia per chi lo riceve sia per chi lo svolge".

Il centro di distribuzione alimenti è aperto tutti i mercoledì mattina, le famiglie possono accedere per appuntamento, in orari che verranno comunicati direttamente. 

Newsletter

Vuoi ricevere la newsletter settimanale
del Comune di Pieve di Cento?

Iscriviti