Elezioni politiche 25 settembre 2022

Pubblicata il 16 agosto 2022 | Eventi e Servizi istituzionali

Con decreto del Presidente della Repubblica n. 97 del 21/07/2022, pubblicato in pari data nella Gazzetta Ufficiale – Serie Generale n. 169, è stata fissata al 25 settembre 2022 la data delle elezioni della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica.

AVVISO APERTURA STRAORDINARIA UFFICIO ELETTORALE
Si comunica che l'Ufficio Elettorale sarà aperto esclusivamente per il rilascio di certificati di iscrizione alle liste elettorali occorrenti per la presentazione delle liste per l'elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica, nei seguenti giorni:

Giovedì 18 agosto
09:00 - 17:00

Venerdì 19 agosto
09:00 - 17:00

Sabato 20 agosto
09:00 - 17:00

Domenica 21 agosto
08:00 - 20:00

Lunedì 22 agosto
08:00 - 20:00

Tessera elettorale
Si rammenta che per esprimere il proprio voto sarà necessario presentarsi al seggio elettorale con un documento d'identità personale e con la TESSERA ELETTORALE rilasciata dal Comune di Pieve di Cento.
Si consiglia pertanto sin d'ora di verificare il possesso della Tessera elettorale, e che i dati in essa riportata siano corretti, in particolare in relazione all'indirizzo di residenza e alla sede del seggio elettorale in cui poter recarsi a votare.
Se non si fosse in possesso della Tessera o i dati non fossero aggiornati, si prega di contattare l'Ufficio elettorale del Comune in Piazza A. Costa n. 17, aperto dal lunedì al sabato (giovedì chiuso) dalle ore 8:00 alle ore 13:00 (tel. 0516862646 - 0516862647, e-mail: anagrafe@comune.pievedicento.bo.it).
Sarà inoltre possibile richiedere il rilascio del duplicato della Tessera elettorale o il suo aggiornamento, venerdì 23 settembre e sabato 24 settembre dalle ore 8:00 alle ore 18:00, domenica 25 settembre dalle ore 7:00 alle ore 23:00.
Si raccomanda di non attendere gli ultimi giorni prima della votazione per richiedere la nuova tessera al fine di evitare code ed attese agli sportelli.

Voto degli gli elettori italiani residenti all'estero
Per le elezioni politiche gli elettori italiani residenti all'estero votano per corrispondenza, ai sensi della legge 27 dicembre 2001, n. 459 e del relativo regolamento di attuazione approvato con D.P.R. 2 aprile 2003, n. 104.
Questa normativa prevede comunque la possibilità di votare in Italia, previa apposita e tempestiva richiesta, da presentare in occasione di ogni consultazione e valida limitatamente ad essa.
In particolare, il diritto di optare per il voto in Italia, ai sensi degli artt. 1, comma 3, e 4 della legge n. 459/2001 nonché dell'art. 4 del D.P.R. n. 104/2003, deve essere esercitato entro il decimo giorno successivo alla consultazione elettorale (intendendo riferito tale termine alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del decreto di indizione) e cioè entro il prossimo 31 luglio 2022, preferibilmente utilizzando il modello allegato.
L'opzione dovrà pervenire entro il termine sopraindicato all'Ufficio consolare operante nella circoscrizione di residenza dell'elettore e potrà essere revocata con le medesime modalità ed entro gli stessi termini previsti per il suo esercizio.
Qualora l'opzione venga inviata per posta, l'elettore ha l'onere di accertarne la ricezione, da parte dell'Ufficio consolare, entro il termine prescritto.

Voto degli elettori temporaneamente all'estero per motivi di lavoro, studio o cure mediche e dei familiari conviventi
Gli elettori temporaneamente all'estero da almeno 3 mesi per motivi di studio, lavoro, cure mediche e dei loro famigliari conviventi, possono richiedere di poter votare per corrispondenza.
E' stato riconosciuto stabilmente per le elezioni politiche e i referendum nazionali il diritto di voto per corrispondenza nella circoscrizione Estero - previa espressa opzione valida per un'unica consultazione - agli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all'estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della medesima consultazione elettorale, nonchè ai familiari con loro conviventi (per i familiari la presenza all'estero può essere anche inferiore ai 3 mesi).

L'opzione per il voto all'estero può essere espressa compilando un apposito modulo, da trasmettere entro e non oltre il 32° giorno precedente il voto (per le Elezioni Politiche del 25 settembre 2022, entro il 24 agosto 2022), direttamente al Comune di Pieve di Cento all'ufficio elettorale, nelle seguenti modalità:
1. posta elettronica all'indirizzo: anagrafe@comune.pievedicento.bo.it;
2. posta elettronica certificata (pec): comune.pievedicento@pec.renogalliera.it
3. consegna a mano da persona diversa dall'interessato.
4. posta ordinaria al seguente indirizzo: Comune di Pieve di Cento - Ufficio Elettorale Piazza A. Costa n. 17 - 40066 Pieve di Cento (BO)
5. fax al n. 051/974308
La dichiarazione di opzione, redatta su carta libera e necessariamente corredata di copia di documento d'identità valido dell'elettore, deve in ogni caso contenere l'indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale ed una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti.
Il voto degli elettori residenti temporaneamente all'estero che hanno fatto richiesta di voto per corrispondenza, verrà effettuato con le medesime modalità previste per gli elettori residenti all'estero che votano normalmente con tale modalità, entro 18 giorni dalla data fissata per la consultazione elettorale in Italia, le ambasciate e i consolati inviano agli elettori presenti nella loro giurisdizione un plico elettorale che contiene:
- una lettera informativa;
- una copia della normativa;
- la lista dei candidati delle elezioni parlamentari (non inclusa in caso di referendum);
- il certificato elettorale;
- la scheda elettorale (oppure, in caso di più votazioni contemporanee, una scheda diversa per ogni tipo di votazione)
- la busta interna (completamente bianca ed anonima) dove inserire solo la scheda votata (o le schede in caso di più votazioni contemporanee)
- una busta pre-affrancata, in cui va inserita la busta interna bianca (sigillata e contenente solo la scheda o le schede votata/e) e il tagliando del    certificato elettorale, con l'indirizzo dell'ufficio consolare a cui l'elettore deve reinviare la scheda votata.

Se entro 14 giorni dal voto nazionale l'elettore non ha ancora ricevuto il plico, può richiedere l'invio o consegna di un secondo plico.
Il voto può essere espresso solo con una penna con inchiostro di colore nero o blu.
Entro il giovedì precedente al voto nazionale, le ambasciate spediscono in Italia per via aerea e valigia diplomatica le buste ricevute dagli elettori. Le buste pervenute in ritardo e quelle avanzate verranno immediatamente incenerite.

Allegati

Newsletter

Vuoi ricevere la newsletter settimanale
del Comune di Pieve di Cento?

Iscriviti