Tu sei qui:Home / Servizio elettorale / Istruzioni per l'elettore temporaneamente all'estero

Logo P

Istruzioni per l'elettore temporaneamente all'estero

Gli elettori che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovino temporaneamente all'estero per un periodo di almenoTRE MESI, nel quale ricade la data di svolgimento della medesima consultazione elettorale, nonché i familiari con loro conviventi, potranno esercitare il diritto di voto per corrispondenza nella circoscrizione estero, previa espressa opzione valida solo per questa consultazione (art. 4-bis della legge n. 459/2001).

COME ESPRIMERE L’OPZIONE: LA COMPILAZIONE DEL MODULO

Gli elettori interessati, iscritti nelle liste elettorali del Comune di Pieve di Cento, che si trovino o si troveranno nelle condizioni sopraindicate, per esprimere la loro opzione devono:

1. compilare in ogni sua parte l’apposito modulo (QUI ALLEGATO) in cui devono essere contenute:

- l’indicazione dell’indirizzo postale estero a cui inviare il plico elettorale

- la dichiarazione di possedere i requisiti di cui al comma 1 dell’art. 4-bis della legge n. 459/2001, resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR n. 445/2000

2.  allegare al modulo fotocopia di documento di identità in corso di validità dell’elettore.

COME FAR PERVENIRE IL MODULO AL COMUNE

Gli elettori dovranno far pervenire al Comune di Pieve di Cento il suddetto modulo, compilato in ogni sua parte e debitamente sottoscritto, tramite uno dei seguenti modi:

  1. posta ordinaria al seguente indirizzo: Ufficio Elettorale del Comune di Pieve di     Cento, Piazza Andrea Costa n. 17 – 40066 Pieve di Cento (BO);
  2. fax al n. 051 6862691
  3. PEC: comune.pievedicento@cert.provincia.bo.it
  4. mail: anagrafe@comune.pievedicento.bo.it
  5. consegna a mano anche da persona diversa dall’interessato.

I TERMINI PER ESPRIMERE L’OPZIONE TRAMITE L’INVIO DEL MODULO:

L’opzione per il voto per corrispondenza deve pervenire al Comune d’iscrizione nelle liste elettorali entro i trentadue giorni antecedenti la data di svolgimento delle consultazioni elettorali, ossia entro mercoledì 31 gennaio 2018 (con possibilità di revoca entro lo stesso termine).